Punto Acquatico: Divini pensieri.

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche

Copyright foto: swimbiz.it_Stefano Palazzo

Per tentare di riassumere Lei basta  Wikipedia, e lo fanno in molti. Per i fan forse ,o per i giornalisti che spuntano nella grande occasione.

D’altronde è il periodo del tutti dentro, e magia come nel calcio , tutti previsionali commissari tecnici. Ma per i divini pensieri olimpici occorre andare più in là , quasi a grattare il fondo della vasca alla ricerca del sacra cuffia.

Fede, ci provo: dica 33 signora Pellegrini , come gli anni che compirà il  5 di agosto. Dica trentatrè, in uno stato di forma pazzesco e basta l’occhio esperto del cronista acquatico nei lunghi anni di conoscenza della numero uno .

Il voto è subito e mai scontato  10 : per la condizione con cui si presenterà alla quinta Olimpiade, e per il palco mondiale è già garanzia. Un fascio di muscoli dosati sapientemente riveste Federica Pellegrini.

Longilinea, scattante e piena di fibra muscolare che sembra non esaurirsi mai, a cospetto di esperienza e di un training allenante, diciamolo, unici .Questo vale come condizione di perfetta partenza.

Se vi raccontano che il nuoto di alta competizione è un affare per gente giovanissima, siate dubbiosi, pensando a Lei: così la quinta olimpiade, l’ultima, è il riassunto di quello che è stato , ma la storia non si ferma finanche non dici basta e non spegni il motore.

Trasmigrato in acqua basterebbe l’ipse dixit di Steve Jobs a raccontare la pazza Fede, che è Lei , ma anche noi che l’amiamo senza se e senza ma quando nuota: sii affamata e anche un po' folle a pensare che tutto è divinamente possibile, ancora.

Basta  vederla atterrare, ieri all’aeroporto di Tokyio, con il solito low profile di Pellegrini: sorniona ma tremendamente in forma  con il tono giusto, pronto alla battaglia, e già questo incute nelle giovani rampanti delle corsie emergenti un senso di Fede, che è più della zia famosa che non si arrende mai.

Senza illusioni, ma sempre ricordandosi che la storia passata è fatta si di grandi risultati con il famigerato record del mondo che dice  -in 1’52”98 – che nelle quattro vasche a stile libero più belle- per noi sicuramente- la Fede è una sola.

All’ultimo giro certo, almeno quello olimpico,perché se vi domandano al bar come sarà l’olimpiade del nuoto, partono sempre da Lei :“come andrà  Pellegrini?” me lo chiedono nove su dieci. E allora rispondo che è l’ultima per la più amata, certamente la più conosciuta, la grande star.

Ovvio , la storia più lunga e titolata. Uno sguardo a Wikipedia per  rapido ripasso, e poi incrociate il sorriso sornione di Fede  e quello del suo allenatore Matteo Giunta. Che coppia.

Che  vada come deve andare, ma ricordatevi che i divini pensieri non sono ancora andati in pensione…Buona acqua

 

zicche@swimbiz.it

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram