Punto Acquatico: I Cartellini rossi e altre difficoltà acquatiche

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche

Partiamo dall’impianto di questo mondiale, ad Abu Dhabi: voto dieci, una vera Arena del nuoto,che dà la dimensione di quello che oggi è il nuoto spettacolo, dintorni compresi.

Già i dintorni. Che si fanno cupi per le squalifiche. Fu quella disastrosa di Benedetta Pilato all’Olimpiade , la squalifica agitata da un Var acquatico impietoso: la gambata che si fa biricchina, e la giovane talento del Sud ci rimise i suoi primi cerchi olimpici.

Oggi è toccata ad Arianna Castiglioni, la nuotata irregolare ( non ancora declinata dalla classe arbitrale al momento in cui scrivo, mah..) e il cartellino rosso. Amaro come un bitter di prima mattina.

Arianna la lombarda che riparte dopo aver annunciato il cambio tecnico, da Gianni Leoni a un piccolo rumors che la vorrebbe più giù, dove il nuoto erutta come un vulcano.

Sarà Caserta? Sarà Andrea Sabino? (tecnico di Ballo, che è di Stefanì , ed è stato di Di Giorgio).  Ah saperlo, aspettiamo comunicazioni.

Intanto si sveglia in cannone Alberto “Razzo” Razzetti e quei fantastici della veloce , più Martinenghi che gioca ancora sornione. Al posto della ex Federica Divina, nessuna nostra nei 200, io avrei portato una giovanissima per fare esperienza.

E di esperienza ne ha a tantissima ma non da vendere la Panziera, ma non basta a regolare la sua uscita in batteria, che sinceramente fatichiamo a capire come ragione di una Margherita mai in palla.

Vedremo , intanto buona acqua mondiale a tutti, e che il pomeriggio ci sorrida pieno di azzurro

 

zicche@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram