Punto Acquatico: Il Ceccon all’italiana, ThC nello spazio

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche

Signore e Signori, si sono aperte le  ultra danze acquatiche.

Finalmente ThC , al secolo Thomas Ceccon, ha sfondato il muro del suono in piscina. Gli sono bastati cento metri, all'azzurro vicentino: a pancia in su, baffetto sparviero, vitino da vespa arrotolato in un fisicone da due metri che sembra uscito  da una saga a metà tra guerre stellari e il ritorno dello jedi.

Leggero come su un ottovolante a tutto gas, idrodinamico come solo quel fisico può concepire l’essenza stessa del galleggiamento. L’avevo inseguito in questi anni, sbilanciando il paragone con Michael Phelps, per grazia ricevuta in acqua , per atteggiamento, per scivolamento, per potenza, per controllo.

In una parola , perfezione acquatica.Vicino, appunto ,al parente Extraterreste , forse il più inimmaginabile umano-atleta nuotatore capace di tutto.

Ora non so se un parente può pensare a fare come lo zio Phelps, ma il nostro Ceccon all’italiana è già un ThC nello spazio. Con qualcosa di mostruosamente importante all’orizzonte della sua astronave. Il WR è solo l’inizio della saga.

Buona acqua azzurra splendente a tutti

zicche@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram