Rio e ritiri, anche Tania Cagnotto ci ripensa?

Copyright foto: LaPresse

Quanti campioni, acquatici compresi, che vedono Rio 2016 come ultima Olimpiade. Eppure, in molti non danno per scontato che con i Giochi si chiudano… i giochi, ovvero la loro carriera agonistica. Come Federica Pellegrini, che lascia aperta un’icona anche sulle Olimpiadi di Tokyo 2020(leggi qui). E Stefano Tempesti, capitano del 7Bello, Rio come traguardo azzurro, ma pronto a indossare ancora la calottina nella Pro Recco(leggi qui). In un’intervista all’Agi, ripresa da Repubblica.it, è stavolta la regina dei tuffi Tania Cagnotto (tutti e tre gli atleti citati hanno Dao come management) ad aprire spiragli su un futuro agonistico “Forse non concluderò la mia carriera con la gara olimpica del prossimo anno, non è escluso che proseguirò ancora per una stagione con spirito più leggero – specificando, tuttavia, come - l’unica certezza è che quella di Rio de Janeiro sarà la mia ultima partecipazione olimpica. La decisione la prenderò dopo Rio e dipenderà da diversi fattori, non prettamente sportivi”.
 
moscarella@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram