Sfrontati e vincenti: Pellacani-Santoro sul tetto d’Europa nel sincro misto

L’Italia dei tuffi non si ferma più. Ancora medaglia oggi e ancora un oro, dopo quello di ieri di Elena Bertocchi nel metro. Ma c’è ancora Chiara Pellacani sul podio e stavolta è oro. E lo è insieme ad un giovanissimo Matteo Santoro. 14 anni lui e 18 anni lei. Campioni d’Europa. Una favola sportiva delle favole più belle per una competizione continentale che si presenta tra le più medagliate per l’Italia. Sono sei quelle vinte in totale sino ad oggi.

Nel sincro misto eccoli i due azzurri conquistare un record di punti di oltre 300. Il tuffo perfetto è l’ultimo. Ma non sono stati da meno gli altri 4 esibiti. Da spettacolo. Con costanza, nervi tesi, ma con spirito di divertimento. E’ quello il ‘leitmotiv’ dell’Italtuffi. Una squadra giovane e vogliosa di fare bene. Il clima tra gli atleti di unione e compattezza, ciò che Coach Bertone vuole assolutamente, porta bene ai campioni e fa bene ai medagliati europei.

Un oro continentale pazzesco per Chiara e Matteo. Giovanissimi e senza parole davanti alle telecamere. Chiara già medagliata, vince il terzo alloro in questo torneo fortunatissimo torneo: argento nel team event, bronzo ieri nel sincro individuale dal metro e oggi un gradino più su. Il massimo. Oltre non c’è più nulla. Il primo gradino per l’atleta delle Fiamme Gialle e il titolo europeo nel sincro misto, una medaglia che si sentiva addosso. Talento, perfezione, essere consapevole di sé. Tenere il trampolino con la sfrontatezza dell’età giovanile, anche quello probabilmente. Con spirito di divertimento. Un sincro in cui la Pellacani vanta già grandi successi. Proprio con la Bertocchi, con cui ieri ha condiviso il podio. Un altro oro per Chiara era arrivato dal sincro dei tre metri con Elena nel 2018. Stasera lo condivide con Matteo Santoro. Lui 14 anni. Giovanissimo e mai nella Nazionale Giovanile. Immediatamente proiettato tra i grandi e a ben scelta da parte dello staff azzurro, vince il titolo continentale. Il primo per lui e prima volta ad un Europeo e prima volta in Nazionale Senior. Record su record.

“Mi sono divertita tanto – ha detto una felice Pellacani ai microfoni di Raisport - ho cercato di far divertire anche Matteo, abbiamo cercato di dare il massimo. Sentivo che ce l’avevo addosso il primo posto. E’ il mio Europeo migliore sinora. Penso a riposarmi adesso, poi penserò alle altre gare. Mi divertirò e cercherò di viverla come sempre”.

“Sono tanto emozionato – esordisce Matteo – è la mia prima esperienza ad un Europeo e in Nazionale. Il nostro obiettivo era fare una gara regolare, questo è un oro inaspettato. Indescrivibile, inizio perfetto. Lo dedico agli allenatori e alla mia famiglia”. Conclude il nuovo campione d’Europa.

giorgi@swimbiz.it

Foto di Andrea Staccioli / Inside-DBM

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram