L’antidoping stringe i tempi: Magnini e Santucci giudicati già a luglio

Il commento di Swimbiz: A sorpresa, udienza anticipata già al mese prossimo, dopo le polemiche dei giorni scorsi sugli 8 mesi di attesa.

Copyright foto: Ap

Secondo la Gazzetta dello Sport, la Procura di Nado Italia avrebbe scelto di stringere i tempi per le udienze al tribunale antidoping di Filippo Magnini, Michele Santucci e degli altri soggetti coinvolti nelle indagini su Guido Porcellini, incluso lo stesso ex nutrizionista di Magnini. Per quanto concerne i due ex azzurri, le date sarebbero il 12 luglio per Magnini (8 anni di squalifica chiesti dalla Procura) e il 16 per Santucci (4 anni di squalifica chiesti). Una decisione, quella di accelerare i tempi che, secondo quanto riporta il quotidiano sportivo, sarebbe stata presa per evitare che “Nessuno dei soggetti deferiti possa sostenere di esser stato tenuto sulla graticola per mesi”.

Quando sono state rese note le richieste di condanna da parte della Procura, Magnini ha accennato pubblicamente a manomissioni che il suo caso avrebbe subito(leggi qui). A un solo mese dall’udienza, resta la domanda posta dal Direttore di Swimbiz.it Christian Zicche, a Radio Cusano Campus: Magnini e i suoi legali indiranno una conferenza stampa pubblica, in cui spiegheranno quali siano state tali manomissioni?

Ascolta l'audio integrale, in formato podcast, dell'intervento di Christian Zicche a Radio Cusano Campus:

 

moscarella@swimbiz.it