Zazzeri: noi velocisti, maniaci dei dettagli (come gli artisti)

Lorenzo Zazzeri, velocista fiorentino

Copyright foto: Swimbiz.it

Zazzeri mentre dipinge

Un fiorentino doc: tifo Viola, passione per l’arte e quel nome mai banale nella città del giglio, Lorenzo “C’è anche chi mi soprannomina il Magnifico - racconta a Swimbiz.it Lorenzo Zazzeri, classe ’94, appena tornato dal collegiale azzurro a Ostia - fatica, ma anche divertimento. E' un bel gruppo". Al suo allenatore, Fabrizio Verniani, Zazz ricorda invece lo Zar, Aleksandr Popov “Perché ho una nuotata vecchio stile, col gomito alto, ma gli ho detto: non esageriamo con questi paragoni”. Se i 100 m stile libero richiamano spesso immagini di potenza e velocità, il russo affinò la sua già innata sensibilità con quanto apprese dai ballerini del Bolshoi di Mosca “Sempre Verniani dice che dobbiamo essere maniaci dei dettagli. Come gli artisti. L’arte è la seconda passione di Lorenzo, dai maestri rinascimentali fino al contemporaneo Ruben Belloso “Spesso mi chiedo se disegnare e dipingere mi aiutino nel nuoto. Sono poliedrico, ma amo molto l’iperrealismo - la riproduzione fedele della realtà, ombra per ombra, capello per capello – che richiede studio, tecnica, precisione, sensibilità, attenzione ai dettagli, concentrazione…” come i 100 stile, appunto.

Gli anni recenti sono stati vivaci per la Firenze acquatica. La grottesca vicenda della sede di Rn Florentia, che dopo oltre un secolo dalla sua fondazione rischiava la chiusura(leggi qui). E la fusione di fatto della stessa Rari Nantes con Fiorentina Nuoto nel Florentia Nuoto Club “Ho vissuto con serenità quella fase, pensavo solo ad allenarmi. Fu il mio allenatore storico Paolo Palchetti, come un secondo padre per me, a consigliarmi di allenarmi con Verniani, più tarato sulla velocità – una razionale divisione del lavoro, come in azienda – e ogni tanto un cambio può far bene. La mia fortuna è che non è stato traumatico: non ho dovuto cambiare città ecc”. Tre anni positivi per Zazzeri, fino alla stagione attuale: oro in vasca corta al Mussi-Lombardi-Femiano, argento nei 50 stile agli Assoluti Primaverili “L’obiettivo è arrivare pronto alle Universiadi di Taipei, ad agosto. Certo, la staffetta veloce ai Mondiali di Budapest sarebbe un sogno” per questo, insieme al suo tecnico, sta valutando come affronterà il Settecolli. Un semplice modello, un disegno a carboncino, aspettando agosto per dipingere il suo quadro migliore. Oppure l’occasione per dare il tocco d’artista della vasca, mettendoci subito la firma.

moscarella@swimbiz.it

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram