La Divina mattinata

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche
Il commento del direttore:
Fede nella vasca, prima nella prima dei 200 stile libero. E stasera Simona Quadarella studia per un futuro, magari, alla Paltrinieri...

Come dice il detto? Il buon giorno si vede dalla mattina. Noi lo adattiamo in duecento metri, quelli di una già splendida - sorridente e con la linguetta di fuori all’arrivo - Federica Pellegrini. Che ci mette poco, anzi pochissimo, a mettere i puntini sulle i su una delle gare più attese del programma azzurro. Miglior tempo e via, passiamo al blocco successivo. Duecento stile libero, quattro vasche andata e ritorno,stile perfetto e da sempre orgoglio senza nessun pregiudizio da parte di noi italiani. Federica Pellegrini è un patrimonio che ci gustiamo e preserviamo nel nostro cuore ogni volta lei scende in vasca. Americane fenomene o ungheresi rombanti, noi abbiamo Fede, punto e virgola, ritorniamo in vasca che è ancora lunga. La strada è ancora lunga, semifinali e poi finale, ma intanto quel led sotto la vasca si è acceso. Con la Divina mattinata a ricordarci che siamo sempre il popolo di Federica, e i duecento sono la nostra gara. Avanti così, aspettando un quadro nei 1500 di Simona Quadarella

 

 

zicche@swimbiz.it