La Nipote e la Zia, che coppia di rana azzurra

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche
Il commento del direttore:
Et voilà l'Italia del Nuoto, si inizia con le medaglie pesanti...

Copyright foto: Deepbluemedia

Da dove iniziamo? Dal fatto che secondo me in Puglia registrano le nascite dopo un po', e vi spiego perché: Benny Pilato trionfa in Europa con l’oro da cinquanta rana, si conferma con la lacrima che è l’unico accessorio da quattordicenne, perché per il resto è maturità assoluta da ultra maggiorenne. Tecnica di maturità, perché nuota divinamente la rana, stile complicato e di esperienza come quella della Zia Carraro, Martina che afferra l’argento in coppia con la Nipote di vasca. Poi sempre Pilato, che gestisce le interviste senza fronzoli, con la capacità di tornare subito nel ruolo di fenomeno super concreto.

Dietro, quanto meno per il ribollir di medaglie di bronzo nella serie, Gabriele Detti un po' coperto a 400 stile, ma a Swimbiz coach Morini conferma “Stiamo lavorando per il futuro con lavori mai fatti, tra un po' vedremo come si va”. Come va nella stessa distanza, a misti, Ila Cusinato bronzo anche di capelli, che non si sa se per la fatica del rotear di allenatori degli ultimi tempi o per vezzo estetico post cuffia. Poi lo Zio, quello vero. Scozzoli che la manina bronzea la mette sempre. A dispetto dell’età dell’oro che sembra non abbandonarlo mai nella sua classe ranistica. Il resto lo fanno i 4 della velocità pura, bronzo fatto in serie e per la serie di giornata. Buonasera Ital-nuoto, già bellissima.

zicche@swimbiz.it