Butini: device dorso? C’è un vuoto normativo. Possibile precedente

Il commento di Swimbiz: Dopo l'incidente occorso ieri ai danni di Sabbioni e della staffetta, l'Italia ha presentato ricorso. Ma secondo il Dt Cesare Butini, ad oggi il regolamento non dà indicazioni su come intervenire in casi del genere.

Reclamo formale da parte dell'Italnuoto, dopo l'incidente di ieri nella finale della staffetta 4x50 mista mista, col 'device' per la partenza a dorso che ha ceduto all'avvio gara di Simone Sabbioni. Non è il primo ricorso di questi Europei in vasca corta di Copenaghen, c'era già stato quello della Germania dopo i 200 dorso, ma secondo il Dt dell'Italnuoto Cesare Butini "C'è un vero e proprio vuoto normativo - si legge sul sito Fin - è successo questa mattina nelle batterie e si è ripetuto oggi pomeriggio in finale, quindi diventa sicuramente una situazione da prevedere". Sull'episodio, aggiunge Butini "Non c'è stata neanche la comunicazione immediata del giudice. Credo che sia l'inizio di un precedente che ci dovrà spingere a capire cosa fare quando un attrezzo meccanico si rompe danneggiando il regolare svolgimento della gara. Dispiace soprattutto per i ragazzi che sono stati privati della possibilità di giocarsi la finale alla pari con gli altri".

moscarella@swimbiz.it