E dopo gli Europei? Si pensa già ai Mondiali in corta: i criteri di qualificazione “diffusa”

Il commento di Swimbiz: Ancor prima dell'inizio degli Europei, la Fin ufficializza i criteri per qualificarsi ai prossimi Mondiali in vasca corta. E non è un caso.

Copyright foto: Gian Mattia D'Alberto-LaPresse

Neanche sono iniziati gli Europei di nuoto a Glasgow e già si può pensare al prossimo appuntamento: i Mondiali in vasca corta di dicembre a Hangzhou, Cina. Non a caso, perché le possibilità concrete di medaglie azzurre a Glasgow sono cospicue – almeno 10, ha previsto il Direttore di Swimbiz.it Christian Zicche – e come ulteriore stimolo a cercare il podio, la Fin mette in palio per chiunque ci riesca la qualificazione automatica al ‘Mondialino’ cinese. Non certo una novità, nonostante i tecnici stessi rilevino spesso ampie differenze tra vasca lunga e corta, ma non manca anche la classica tabella dei tempi limite, da pareggiare o superare non in un unico appuntamento, ma in qualsiasi meeting nazionale o internazionale con cronometraggio elettronico dall’1 ottobre al 25 novembre 2018.

 

 

moscarella@swimbiz.it