McEvoy “sacrifica” i 200 stile per il bene delle staffette

Il commento di Swimbiz: Una dolorosa scelta per l'australiano Cameron McEvoy, in nome della squadra. E un'emozione unica per David McKeon.

Copyright foto: Quin Rooney

E' il primatista mondiale dell'anno nei 100 stile, 47"04, eccezionale anche nei 50, ma Cameron McEvoy ha una predilezione per i 200 m stile libero. Rinunciarvi alle Olimpiadi di Rio "Non è stata una decisione semplice, specie perché li ho nuotati a lungo a livello internazionale ed è sempre stata una delle mie gare preferite" dichiara al Daily Telegraph. Ma ha dovuto fare un passo indietro "Vedere il quadro generale e ricordare che sono solo un uomo e ho i miei limiti". Sacrificare i 200 m stile libero significa potersi concentrare lo stesso giorno sulla staffetta 4x100 stile libero e due giorni dopo, arrivare sufficientemente riposato da poter sostenere la staffetta 4x200 stile la (eventuale) semifinale dei 100 stile. Un'ammissione dei propri limiti, ma anche di responsabilità nei confronti delle staffette. Il 4° posto della 4x100 stile nel 2012 scatenò la furia inquisitoria dell'opinione pubblica, con James Magnussen che per mesi non ebbe più la forza di uscire di casa, e la polemica sul sonnifero Stilnox che si trascinò per due anni(leggi qui). Ora, chiunque prenderà parte ai quartetti sa che avrà gli occhi del Paese addosso. Rinunciando ai 200 stile, peraltro, McEvoy regalerà un'emozione unica a David McKeon "Nuoterò i 200, 400 e 4x200 stile, come mio padre ai Giochi dell'84. E' qualcosa di davvero speciale".

moscarella@swimbiz.it